about CasaMatha contact
Sezione informativa e degli eventi
La Casa Matha oggi: un’antica corporazione che guarda al futuro di Ravenna
a cura della Casa Matha
La millenaria Casa Matha, di cui Ravenna può ben vantarsi essendo la libera associazione più antica del mondo, vive per trasferire al futuro un modo antico di essere di un settore dell’economia ravennate: uomini che in simbiosi con l’ambiente amavano valli e pinete e ne traevano nutrimento per la città.
C’è ormai la certezza che in futuro la natura riproporrà, a causa del fenomeno della subsidenza, le antiche vastità semisommerse: il destino dei paleolidi sabbiosi sui quali i ravennati piantarono la pineta è dunque di finire sott’acqua.
Come le antiche valli, anche la pineta è “cosa” dei ravennati. Lo è tanto che nel vessillo comunale campeggia un grande pino ad ombrello fra due leoni rampanti.
A buon diritto tutori delle tradizioni ravennati, ci adoperiamo in tutte le maniere per la salvezza della pineta.

Lo stato di degrado è forte: l’acqua regna ormai sovrana, le “basse” sono sempre più ampie, i pini affondano le radici negli acquitrini e muoiono per asfissia, oppure si ribaltano al primo alito di vento.
Il degrado del nostro ambiente naturale è stato veloce e progressivo. Pinete, valli, coste: un patrimonio di inestimabile valore che purtroppo non riusciremo a trasmettere alle nuove generazioni così come ci era stato affidato.
La Casa Matha sta ritornando alle sue antiche origini di rappresentante dei pescatori di acque interne e si è candidata alla gestione delle attività di pesca, itticoltura e pesca di bivalvi nelle pialasse. Ecco perché non può rimanere indifferente di fronte al problema della subsidenza, causato dagli emungimenti di acque di falda e di gas metano.
Le proiezioni all’anno 2020/2025 parlano di un abbassamento di non meno di 25 centimetri. Previsioni proiettate più lontano ci dicono che Ravenna sarà a rischio di alluvione per ingresso di acque marine. Se non è possibile bloccare l’estrazione del gas metano (sarebbe però possibile l’allontanamento dalla costa dell’estrazione) è però auspicabile il blocco dell’emungimento di acqua di falda, sostituendola con acqua di superficie.
La Casa Matha chiede di incentivare e di favorire lo sviluppo delle attività non intensive che già si effettuano nelle nostre piallasse e che già forniscono lavoro e reddito sufficiente ad oltre 50 addetti. Con una corretta ed oculata gestione si potrebbe creare reddito per molti altri lavoratori.
Tra l’altro la Casa Matha ha chiesto di poter recuperare e restaurare a proprie spese una vecchia casa di caccia (ex conti Baldi) di proprietà comunale, posta quasi al centro della pialassa Baiona e in completo stato di abbandono, per ricavarne una base operativa per la facoltà di Scienze Ambientali, che così potrebbe meglio operare proprio per gli studi sullo stato della pialassa. Stiamo ancora aspettando una qualsiasi risposta dall’amministrazione comunale.

Oltre alle cause naturali, infatti, vi è da metter in conto la poca sensibilità dell’amministrazione pubblica, che spesso ignora persino gli interventi più semplici. Un esempio per tutti: basterebbe mettere la pineta, come accade per i terreni agricoli, “sotto idrovora” per contribuire a prolungare la vita delle nostre pinete.
La Casa Matha da sempre promuove pubblicazioni e ricerche culturali rivolte alla tutela dell’ambiente, valli e pinete, alla storia della città, e a tutto ciò che riguarda Ravenna e il suo sviluppo, come la collaborazione con l’Università di Bologna e le varie associazioni culturali che trovano ospitalità nella nostra sede.
Proprio nell’Aula Magna della Casa Matha è iniziato nel 1989 il Corso di Laurea in Scienze Ambientali dell’Università di Bologna.
L'Ordine della Casa Matha, ieri come oggi, si erge in difesa delle tradizioni ravennati e combatte le sue battaglie per la tutela dell'ambiente, con la certezza che tutta Ravenna capisca e sostenga i suoi sforzi.


Attualmente il Collegio degli Ufficiali della Società degli Uomini della Casa Matha è così composto:

PRIMO MASSARO
Maurizio Piancastelli

SECONDO MASSARO
Massimo Bozzano

MASSARO EMERITO
Paolo Bezzi

UFFICIALI
Francesco Aquilanti
Giovanni Fanti
Cesare Focaccia
Stelio Gardelli
Giampaolo Ghini
Enrico Mambelli
Francesco Nicolli
Pier Giorgio Vasi
Tiziano Zampiga

UFFICIALI REVISORI DEI CONTI
Gian Roberto Marziani
Claudio Masini
Fabrizio Milani Ravaglia

Torna in alto
Nella sezione storico-documentaria
La Casa Matha secondo la tradizione
Cosa significa il nome
Gli antecessori della Casa Matha
La Casa Matha secondo la critica storica odierna
I cimeli della Casa Matha
> Scrivi alla Casa Matha
 
webmaster
Casamatha Ordine della Casamatha
48100 Ravenna (Italia)
Piazza Andrea Costa 3
tel. 0544212476
fax 0544212476
Scrivici